Engagement LinkedIn B2B: come crearlo sulla tua pagina

Engagement LinkedIn: ecco come stimolare un buon engagement nella tua community!
"

Leggi ancora

1 Luglio 2021

Creare engagement LinkedIn è uno degli aspetti più importanti per questo social network

Engagement LinkedIn: come trovare la vostra voce sui social network

Engagement LinkedIn, ovvero: come rendere veramente fruttuoso il vostro tempo online.

Negli articoli precedenti abbiamo posto le basi per creare la propria presenza su LinkedIn. L’impostazione di un’immagine profilo, la descrizione dell’attività, la ricerca di un tono di voce adeguato. Oltre che la scrittura di un piano editoriale strutturato. Abbiamo posto come base fondante il racconto di sé e del proprio brand, dei propri valori e della propria esperienza.

Ma, come si suol dire, “nessun uomo è un’isola”. Scrivere un piano editoriale e raccontarsi è solo il punto di partenza, ma sono due azioni che hanno uno scopo ben preciso, ovvero creare legami e connessioni. Stringere rapporti con altre persone è di primaria importanza per questo social network e l’algoritmo privilegia i profili attivi. Questo significa che non è sufficiente creare contenuti di qualità per crescere su LinkedIn. Infatti, è necessario interagire con costanza con gli altri utenti.

Creare engagement LinkedIn: qualche consiglio pratico

Partiamo dai post: oltre a portare il vostro valore, i vostri contenuti dovrebbero contenere alcuni incentivi per essere diffusi al meglio. Questo si concretizza in tre azioni:

  • Inserire una Call To Action alla fine di ogni post. Ovvero una frase che stimoli gli utenti a rispondere e a interagire con il vostro contenuto. Alcuni sostengono che le CTA in fondo ai post siano ormai abusate. Ma resta comunque un modo coerente di concludere un contenuto ed è in linea con il tipico tone of voice che molti utilizzano su LinkedIn. Un trend che, in fin dei conti, non è affatto dannoso;
  • Inserire pochi hashtag che rappresentino il brand. Tenendo ben presente che l’hashtag stuffing è il nemico della leggibilità, pochi hashtag ben mirati contribuiranno alla diffusione dei vostri contenuti e porteranno gli utenti a interessarsi ai vostri post;
  • Rispondere subito ai commenti dei propri post. Non lasciate passare troppo tempo prima di rispondere a un vostro contatto che ha avuto la bella idea di lasciarvi un commento sotto al vostro ultimo post. Ditegli che apprezzate il suo contributo e continuate lo scambio di idee.

La forza di LinkedIn è nella vostra rete

Oltre a questi accorgimenti all’interno dei vostri contenuti, dovreste sforzarvi di rimanere attivi anche con una serie di azioni da attuare, possibilmente, a livello quotidiano. LinkedIn, più di altri social network, premia la costanza e l’interazione. Di conseguenza, interessarsi in maniera genuina ai contenuti che offrono i vostri contatti non potrà che giovare ai vostri.

Per questo è necessario:

 

  • Seguire persone o aziende del vostro settore. Più i vostri contatti saranno selezionati in base alla vostra area lavorativa, più è probabile che condividano contenuti interessanti per voi e che, a loro volta, siano interessati ai vostri post.
  • Mettere “mi piace” e commentare altri post. Siate curiosi e propositivi, non abbiate paura di dire qualcosa di poco brillante e non necessario: a tutti fa piacere ricevere interazioni e commenti positivi. Interessatevi, fate domande, approfondite il discorso. Insomma, interagite a livello profondo e sincero con la vostra cerchia di conoscenze.
  • Creare relazioni. Un messaggio privato a una persona che pubblica post interessanti per voi non potrà che giovare alla vostra attività. Conoscere nuove persone, non solo a livello lavorativo, rappresenterà sicuramente un arricchimento per voi e contribuirà a fidelizzare gli utenti ai vostri contenuti.
  • Coinvolgere i dipendenti e i colleghi. Ultimo passo, ma non meno importante, consiste nel creare una rete di diffusione interna dei vostri contenuti. Stimolate i vostri dipendenti o i vostri colleghi a interagire con i post aziendali e, soprattutto, invitate a condividere.

 

Scopri gli altri articoli del blog Digital4Export!