LinkedIn Free Vs LinkedIn Premium, sono davvero così diversi?

LinkedIn è un social network accessibile a tutti senza alcun costo aggiuntivo. Ma accanto alla versione free troviamo LinkedIn Premium e le sue diverse versioni. La domanda è: conviene? E soprattutto, a quali professionisti? LinkedIn Free e LinkedIn Premium, sono davvero così diversi? LinkedIn Premium o LinkedIn Free? Questo sembra essere uno dei primi dilemmi […]

"

Leggi ancora

30 Luglio 2021

LinkedIn è un social network accessibile a tutti senza alcun costo aggiuntivo. Ma accanto alla versione free troviamo LinkedIn Premium e le sue diverse versioni. La domanda è: conviene? E soprattutto, a quali professionisti?

LinkedIn Free e LinkedIn Premium, sono davvero così diversi?

LinkedIn Premium o LinkedIn Free? Questo sembra essere uno dei primi dilemmi dell’utente che si iscrive per la prima volta a questa piattaforma.

Negli articoli precedenti abbiamo sottolineato l’importanza del social network per le aziende e non solo. Infatti, LinkedIn consente all’utente di creare un account in maniera completamente gratuita e di usufruirne nella maniera che ritiene più opportuna: per cercare lavoro, per interagire con i colleghi, per promuovere la propria attività.

Ma, come la maggior parte delle piattaforme, LinkedIn offre dei servizi aggiuntivi a pagamento che consentono all’utente di ampliare il proprio raggio d’azione.

Questi servizi fanno parte della versione Premium di LinkedIn e rappresentano sicuramente un vantaggio in più per l’utente. Consentono di agevolare la presenza sul social network e di utilizzarlo in maniera più professionale. A patto che si abbiano ben chiari gli obiettivi da raggiungere e si voglia mettere in pratica con costanza una strategia per raggiungerli. In caso contrario, LinkedIn Premium risulterebbe un investimento da evitare.

LinkedIn Premium, i diversi abbonamenti

LinkedIn Premium offre un’ampia varietà di abbonamenti e servizi.

Nel corso degli anni, gli strumenti offerti si sono sempre più articolati. Nel 2021 LinkedIn Premium offre i seguenti abbonamenti:

  • Premium Career

  • Sales Navigator

  • Recruiter Lite

  • Premium Business

Questi servizi sono gratuiti per il primo mese, dopodiché sarà necessario pagare un abbonamento mensile o annuale a seconda dell’abbonamento selezionato.

A chi conviene abbonarsi a LinkedIn Premium?

I molteplici abbonamenti di LinkedIn Premium offrono vantaggi per diverse tipologie di utenti. Vediamo nel dettaglio a cosa servono e quali sono le persone che potrebbero sfruttarli al meglio.

Premium Career

È il piano più indicato per chi sta cercando lavoro attivamente. Infatti, Premium Career consente di:

  • mandare messaggi diretti agli HR e agli autori di offerte di lavoro;

  • confrontarsi con gli altri candidati;

  • navigare in modalità privata;

  • scoprire chi ha visitato il proprio profilo;

  • selezionare le offerte di lavoro più adatte al proprio curriculum;

  • accedere a videocorsi online.

Questo abbonamento è dunque l’ideale per laureandi, neolaureati, giovani in cerca di lavoro o professionisti alla ricerca di nuove esperienze lavorative.

Sales Navigator 

Il tool Sales Navigator è dedicato a tutt’altro target: si tratta infatti di un’opzione di grande aiuto per tutti coloro che si occupano di vendite. È quindi l’ideale per tutti i professionisti del social selling e non solo.

Sales Navigator permette ai professionisti delle vendite di:

  • avviare conversazioni con possibili clienti, anche se non collegati (20 messaggi InMail)

  • cercare con filtri avanzati nuovi clienti

  • salvare i profili dei clienti

  • usufruire di tutte le opzioni di Premium Career

  • utilizzare un’interfaccia di vendita unica e innovativa

  • creare elenchi di clienti e colleghi

  • ricevere subito aggiornamenti su aziende, colleghi e clienti

  • seguire videocorsi online.

Recruiter Lite

Anche in questo caso ci troviamo di fronte a uno strumento dedicato a un target ben definito. Infatti, il tool si rivolge a Recruiter e HR, dunque professionisti che si occupano di assumere personale per conto di un’azienda.

Con Recruiter Lite, i professionisti delle risorse umane potranno:

  • contattare qualunque profilo (30 messaggi InMail)

  • effettuare ricerche avanzate e cercare i migliori talenti

  • tenere traccia dei candidati e delle posizioni aperte

  • usufruire di un’interfaccia unica per Recruiter

  • scoprire chi ha visitato il loro profilo

  • cercare profili illimitatamente

  • gestire l’intero pool di candidato

  • utilizzare i suggerimenti intelligenti di LinkedIn

Premium Business

Infine, abbiamo Premium Business, il piano dedicato ad aziende e liberi professionisti. Si tratta di un piano che può offrire grandi opportunità. Infatti, consente a chi lo utilizza di:

  • contattare chiunque su LinkedIn, anche senza collegamento

  • cercare profili illimitatamente

  • usufruire di videocorsi online

  • scoprire chi ha visitato il profilo

  • ottenere informazioni dettagliate sui trend di crescita funzionali all’azienda

Tutte queste funzioni sono di supporto all’azienda in quanto facilitano, per esempio, la ricerca di nuovo personale o di freelance con i quali collaborare. Inoltre, LinkedIn offre aggiornamenti costanti sugli ultimi trend di crescita. Questo significa che l’azienda può rimanere facilmente al passo coi tempi senza perdersi alcuna novità.

LinkedIn Premium: le domande da porsi prima di sottoscrivere un abbonamento

In conclusione, LinkedIn offre molte prospettive di crescita professionale grazie a questi tool. Ma, come già accennato, è necessario porsi determinate domande prima di acquistare uno di questi abbonamenti. In particolare, sarà utile chiedersi:

  • è uno strumento che utilizzerò con costanza?”

  • so con precisione quali obiettivi voglio raggiungere?”

  • quali sono le mie aspettative rispetto l’utilizzo di questo tool?”

  • è un investimento che può veramente arricchire il mio business o facilitare la mia ricerca di lavoro?”

Dopo aver risposto a queste domande sarà più semplice valutare l’apertura di un eventuale profilo LinkedIn Premium.

 

Scopri gli altri articoli del blog Digital4Export!